comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 23°30° 
Domani 24°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 04 luglio 2020
corriere tv
Nuovo scivolone di Gallera: «Se avesse avuto anche solo il 37,5 per cento di febbre»

Attualità lunedì 01 aprile 2019 ore 17:00

Liste di attesa, cinquemila prestazioni in più

Stefania Saccardi e Paolo Morello Marchese

Le nuove misure adottate dall'Asl Toscana Centro per abbattere le liste di attesa ha già aumentato le prestazioni nei primi tre mesi del 2019



FIRENZE — Nei primi tre mesi del 2019 le azioni messe in campo dalla Regione per abbattere le liste di attesa hanno consentito di garantire nel territorio dell'asl toscana centro quasi cinquemila prestazioni in più rispetto ai primi tre mesi dell'anno precedente, fra cui 2.700 risonanze magnetiche. A questo hanno contribuito vari fattori: la riorganizzazione e l'incremento del personale attraverso nuove assunzioni, prestazioni aggiuntive e la libera professione, un diverso utilizzo dei macchinari, l'aumento degli orari di erogazione dei servizi, allungati anche in orari serali.

Il tutto ha richiesto un investimento complessivo, nell'arco dell'anno, di un milione e 700mila euro a cui se ne aggiungono altri sette per l'acquisto dei nuovi macchinari. 

Anche le strutture private convenzionate svolgeranno un ruolo nell'abbattimento delle liste di attesa. Nel 2019 le prestazioni erogate dai privati e pagate dal servizio sanitario regionale rimarranno il 2,5 per cento del totale ma con una modifica di rilievo: il 20 per cento delle risorse complessive, che ammontano a 4 milioni e 700mila euro, saranno erogate in base all'inedito criterio della libera scelta: ovvero sarà il cittadino a scegliere la struttura, pubblica o privata convenzionata che sia, dove sottoporsi alla visita specialistica o all'accertamento diagnostico. Scelta che avverrà attraverso il Cup, il Centro unico prenotazioni dell'Asl. Questo nuovo sistema punta a ridurre i tempi di attesa soprattutto per le visite specialistiche di cardiologia, neurologia, oculistica, ortopedia, dermatologia, otorinolangoiatria, ginecologia, gli esami endoscopici digestivi, le radiografie, le ecografie all'addome e la tac.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità