Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:15 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Attualità venerdì 30 ottobre 2020 ore 19:10

Lavoratori dello spettacolo contro il Dpcm

Il capoluogo toscano tra le città scelte dai lavoratori del settore per la manifestazione "Assenza spettacolare" contro lo stop a cinema e teatri



FIRENZE — Venerdì di protesta in Toscana. I primi a manifestare stamattina sono stati i lavoratori delo spettacolo, in presidio in piazza Santissima Annunziata a Firenze per chiedere un piano di aiuti immediato al governo dopo la chiusura di cinema, teatri e luoghi di cultura disposta dall'ultimo decreto anti-Covid. Titolo della manifestazione "L'Assenza spettacolare". A oragnizzare la protesta, i sindacati regionali Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil Toscana: vi hanno aderito diverse realtà culturali attive sul piano nazionale.

I lavoratori dello spettacolo avevano già imbastito una scenografica protesta a Milano con i "bauli in piazza" lo scorso 10 ottobre quando piazza del Duomo si era riempita dei bauli utilizzati per raccogliere le attrezzature di scena.

Per i sindacati, si legge in una nota, l'ultimo Dpcm che ha chiuso cinema e teatri fino al 24 novembre, "rischia di assestare un colpo mortale e irreversibile al futuro della produzione culturale italiana". I lavoratori dello spettacolo "stanno pagando un prezzo altissimo" e ancora di più "i precari e le precarie che non hanno potuto ottenere le stabilizzazioni, coloro che si sono visti annullare i contratti sottoscritti senza ottenere nessun risarcimento, i lavoratori e le lavoratrici intermittenti, le piccole realtà che fanno cultura ed educazione diffusa sul territorio, senza dimenticare tutto l'indotto (trasportatori, fornitori, noleggiatori di materiale audio/luci/video e scenografico) anch'esso in grave sofferenza".

La richiesta è di avere ristori immediati e certi, un reddito che contrasti anche il rischio del lavoro nero e un piano di rilancio anche attraverso il Recovery Fund.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS