Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 25 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, la sicurezza blocca Simone Biles: «Mi mostra il pass? Buona fortuna»

Lavoro mercoledì 04 luglio 2018 ore 18:50

Crisi Bekaert, si apre uno spiraglio

Foto Facebook Cgil Firenze

L'azienda si è detta disponibile alla reindustrializzazione a patto che non siano prodotti più solo rinforzi per pneumatici. Operai di nuovo in piazza



FIRENZE — Si apre uno spiraglio nella crisi della Bekaert, l'azienda acquisita nel 2014 da Pirelli che nei giorni scorsi è finita nella bufera dopo l'annuncio della proprietà di voler chiudere lo stabilimento di Figline Valdarno che dà lavoro a 318 lavoratori. Lavoratori che oggi sono tornati in piazza a Firenze, in piazza della Repubblica sotto la sede di Confindustria Toscana dove si è svolto un nuovo incontro tra azienda e sindacati. 

Dall'incontro è emersa l'apertura dei vertici aziendali a una reindustrializzazione dello stabilimento  a patto che chi subentra nella fabbrica diversifichi la produzione e non continui a realizzare ''steel cord'', la cordicella metallica di rinforzo per gli pneumatici. Lo hanno riferito i sindacati.  I rappresentanti della multinazionale , hanno detto, si sono dichiarati disponibili ad allungare i tempi della dismissione del sito per poter sondare nuovi scenari per il futuro della Bekaert e per poter attivare gli ammortizzatori sociali per i 318 operai. 

Ora c'è attesa per il nuovo incontro che si svolgerà domani pomeriggio al Mise

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Non sono scampati ai posti di blocco. I carabinieri si sono appostati in punti strategici per controllare il tasso alcolico sulle strade della movida
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità