Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:00 METEO:FIRENZE12°19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'annuncio di Bertolaso: «Tutti i lombardi vaccinati entro le vacanze»

Attualità giovedì 26 febbraio 2015 ore 19:43

Appalti senza gara, Firenze batte Roma e Milano

I Comuni capoluoghi di regione affidano i lavori direttamente nel 60 per cento dei casi. Ma a Firenze si sale all'87,2. Dati Autorità Anticorruzione



ROMA — E' stato il presidente dell'Autorità nazionale Raffaele Cantone a presentare i dati estratti dalla Banca dei contratti pubblici che si riferiscono a opere di importo superiore ai 40mila euro commissionate dai 20 Comuni capoluogo di regione dal 2011 al 2014.

"In sei casi su 10 i Comuni commissionano i lavori pubblici tramite affidamento diretto, senza passare per una procedura di gara - ha spiegato Cantone - E se questo non è sintomo automaticamente di corruzione, di illecito, descrive però un quadro in cui prevalgono procedure meno garantite, e quindi più esposte, più pericolose. Il cui utilizzo, tra l'altro, è in aumento". 

Il  60% dei contratti pubblici che viene stipulato in affidamento diretto è la media nazionale e corrisponde al 34,66% dell'importo complessivo dei lavori.

Ma esaminando i dati nel dettaglio, salta fuori che metà dei Comuni capoluogo ha usato l'affidamento diretto almeno nell'80% dei casi. 

La maglia nera spetta ad Aosta (89,99 per cento) seguita da Trieste (87,69) e da  Firenze (87,21% di affidamenti diretti corrispondente al 50,54 per centro della spesa complessiva). Situazioni più allarmanti di quella di Roma, dove la percentuale è dell'86,51 per un 33,05% degli importi, e di Milano, l'83,33% dei lavorpari al 14,29% degli importi. 

Tra le altre città capoluogo si segnalano sopra il tetto dell'8 per cento di affidamento diretti ci sono Ancona, Bologna, Perugia, Potenza e Trento.

E invece di Palermo la percentuale più bassa (11,59% per il 4,29% degli importi) seguita da Napoli (55,21% degli appalti, 17,85% degli import)i. 

"Queste cifre sono state estrapolate dai nostri uffici in collaborazione con i Comuni e sono state trasmesse alle amministrazioni perché valutino eventuali provvedimenti interni da adottare - ha sottolineato Cantone - L'elemento che complessivamente salta più all'occhio è il trend, in aumento pressoché ovunque. Questo induce a due riflessioni: la prima è che c'è una tendenza più marcata a non utilizzare altri strumenti previsti dal codice degli appalti, una sorta di insofferenza rispetto ad alcune procedure a favore di altre tendenzialmente meno garantite. Ciò non vuol dire che siamo fuori dalle regole ma ci limitiamo a evidenziare che le procedure negoziate sono in grande aumento: questo potrebbe essere giustificato o meno; i singoli Comuni faranno le proprie analisi".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La polizia municipale ha diramato le fotografie di quattro biciclette recuperate al fine di individuarne i proprietari per la restituzione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca