Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:19 METEO:FIRENZE19°30°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 13 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
AstraZeneca, Draghi: «Cordoglio per morte Camilla, complicato ricostruire responsabilità»

Attualità mercoledì 14 aprile 2021 ore 19:23

"Firenze arancione se cala pressione su ospedali"

Il sindaco di Firenze lo ha dichiarato a margine dell'incontro sulle città turistiche con il sindaco di Venezia ed il ministro Massimo Garavaglia



FIRENZE — Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ed il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro,  hanno incontrato il ministro del Turismo Massimo Garavaglia per presentare il decalogo sulle proposte per fare ripartire le città d'arte.

A margine dell'incontro Nardella ha dichiarato al Tg Rai "I dati stanno migliorando, i giorni in zona rossa sono stati utili. Purtroppo la pressione sugli ospedali è ancora alta. Se la situazione migliorerà credo che anche Firenze potrà andare in zona arancione ma è una decisione che spetta alla Regione Toscana".

Nell'incontro Nardella ha chiesto di accelerare sui certificati vaccinali "I certificati vaccinali e dei tamponi a 48 ore possono essere usati non solo per viaggiare ma anche per andare in un albergo o entrare in un ristorante e avere così una data certa per le riaperture, che il ministro oggi ha indicato per il 2 Giugno".

Cresce l'attesa per una decisione sulle fiere che interessa Firenze per la rassegna di Pitti "Garavaglia si è detto disponibile a riaprire le fiere a Luglio, se la proposta sarà accolta potremo salvare Pitti con tutto l'investimento e l'indotto che si porta dietro la prima grande data della moda italiana".

Nardella e Brugnaro hanno sottolineato al ministro la "insufficienza delle risorse dall'imposta di soggiorno" azzerata a causa della desertificazione delle città d'arte per la pandemia.

Altro tema caldo, congelatosi però nell'ultimo anno, è stato quello degli affitti a breve termine per i quali l'esito dell'interrogazione di Nardella e Brugnaro è stata "Il ministro ha dato parere positivo sulla proposta di conferire maggiori poteri ai sindaci per poter gestire il fenomeno".

Infine i fondi per la ripartenza "Il recovery plan rischia di fallire se non si creano le basi per la semplificazione. Serve ad esempio assumere personale che segua l'iter amministrativo. Come sindaci poi vogliamo essere coinvolti perché le grandi opere si possono progettare, appaltare e monitorare solo con l'aiuto dei sindaci che entrano dentro ai cantieri. Abbiamo dimostrato che siamo la migliore garanzia per il monitoraggio sul territorio" ha concluso Nardella.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gli inquilini di uno stabile hanno chiamato la polizia sventando così un furto commesso da giovanissimi. Uno è stato bloccato, gli altri sono fuggiti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità