QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 19° 
Domani 22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 31 marzo 2017

Attualità venerdì 03 marzo 2017 ore 17:16

La rinascita dello storico marchio Brandimarte

Presentato il progetto di rilancio del brand che nella sua prima fase si avvarrà del lavoro in esclusiva degli artigiani fiorentini

FIRENZE — A far rinascere il marchio Brandimarte è Bianca Guscelli, nipote di Brandimarte Guscelli, insieme al compagno Stefano Marchetti, l’imprenditore che nel 2016 ha acquistato il brand con la Remax Rinascimento. Il progetto di rilancio è stato presentato in Palazzo Vecchio.

La lavorazione artigianale Brandimarte porterà alla commercializzazione di prodotti che fanno parte della tradizione: opere d’argento, argenteria per la tavola e linee di gioielli in argento 925. Si uniranno a queste altri prodotti artigianali di lusso.

Quella di Brandimarte, fondata nel 1955, è una tipica storia fiorentina, creata da Brandimarte Guscelli, nata in un fondo di via Ponte alla Vittoria. Gli argenti Brandimarte sono forgiati a mano da oltre 100 dipendenti e alla morte improvvisa del fondatore, nel 1994, l’azienda passa ai figli Stefano e Giada Guscelli. Da via Bartolini l’azienda si trasferisce nel viale Ariosto, lungarno Acciaiuoli e negli ultimi anni in via Foscolo.

“Un marchio identitario della nostra città che oggi rinasce grazie a una storia di coraggio – ha detto l’assessore Del Re – La storia giovane di Bianca che, alla terza generazione, decide di rilevare il marchio di famiglia per restituire alla città e all’Oltrarno una tradizione di cui si sentiva la mancanza. Oggi celebriamo il suo coraggio e speriamo possa essere la prima di tante storie da raccontare. Quello dell’imprenditoria giovanile è un tema che sta molto a cuore a questa amministrazione – ha proseguito Del Re – Per questo, nel bilancio preventivo di quest’anno abbiamo previsto agevolazioni Imu per i proprietari che riaprono i fondi chiusi mettendoli a disposizione di start up under 40 in zone della città che ne hanno bisogno. Facciamo appello alla creatività e all’inventiva dei giovani anche per rilanciare il commercio a Firenze”. 

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Attualità

Attualità