QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi -3°8° 
Domani -3°5° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 08 dicembre 2016

Attualità domenica 27 marzo 2016 ore 15:00

Statale 67, via ai lavori di adeguamento

Partiranno dopo Pasqua e riguarderanno il tratto della Tosco-Romagnola tra Pontassieve e Fiesole. Ecco come cambia la viabilità fino al 2017

FIRENZE — Al via da dopo Pasqua gli interventi di adeguamento lungo la statale 67 Tosco-Romagnola, tra Pontassieve e Fiesole.

Gli interventi, che riguarderanno una decina di chilometri di strada, consisteranno nell’adeguamento della pavimentazione, nella sostituzione dei guard-rail, nel ripristino dei cordoli e dei marciapiedi e si svolgeranno dal km 89+200 (San Jacopo a Girone) sino al km 97+800 (Pontassieve) in località Anchetta, Compiobbi e Girone

I lavori però, che dureranno fino a giugno 2017, porteranno con sé anche cantieri di media lunghezza, corsie alternate, semafori intelligenti coordinati tra loro, apposita segnaletica per gli automobilisti, viabilità alternativa. 

Per questo ieri in Prefettura si è tenuta una riunione per garantire la corretta circolazione sulla statale. La strada infatti non sarà chiusa completamente alla circolazione che potrà sempre svolgersi su corsie alternate.

Tra le prime soluzioni adottate è stato scelto di impiantare cantieri con una lunghezza non superiore ai 250 metri, da aprire in successione man a mano che i lavori avanzeranno, in modo da chiudere l’arteria solo su una corsia e per brevi tratti, riducendo così al minimo i disagi per gli utenti. Gli altri accorgimenti riguardano: l’individuazione della viabilità alternativa sulle strade provinciali e comunali (anche per assicurare il flusso regolare dei mezzi di soccorso e delle ambulanze), un’apposita segnaletica per gli automobilisti e la sincronizzazione dei semafori per evitare ingorghi. Altre misure saranno individuate dal Comitato Operativo Viabilità che si riunirà il prossimo 31 marzo. In quella occasione saranno sperimentate, direttamente sul posto, le possibili dinamiche negative e come risolverle.

Prima dell’apertura dei cantieri i Comuni informeranno dettagliatamente la popolazione su quanto verrà predisposto.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Cronaca

Cronaca