QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 28° 
Domani 19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 23 settembre 2017

Attualità mercoledì 17 maggio 2017 ore 18:59

Palazzi occupati, scintille tra Comune e migranti

Protesta del movimento di lotta per la casa e degli occupanti di via Spaventa e via Giordano. Il Comune: "Non trattiamo senza rispetto delle regole"

FIRENZE — Una trentina di migranti che hanno occupato in via Spaventa e via Luca Giordano hanno manifestato davanti all'assessorato alla casa del Comune di Firenze, in piazza di Parte Guelfa. Presenti anche alcuni esponenti del Movimento di lotta per la casa, organizzatore del presidio. Tra i motivi della protesta, la richiesta di "soluzioni dignitose" per coloro che vivono negli edifici occupati. Una rappresentanza dei manifestanti è stata ricevuta in assessorato.

"Il Comune - ha detto il leader del Movimento Lorenzo Bargellini - ci ha fatto presente la disponibilità ad avviare un confronto tra le rispettive posizioni, ma al momento ci separa un oceano". 

Ma il comune chiude: "Nessuna disponibilità ad avviare un confronto. Non trattiamo con chi non rispetta le regole. L'incontro di stamani finalizzato unicamente a ridurre la tensione con manifestanti presenti sotto Palazzo Canacci non ha dato nessuna disponibilità da parte del Comune ad avviare alcun confronto con il Movimento di lotta per la casa. Come ho già avuto modo di dire in altre occasioni noi non trattiamo con chi fa dell'illegalità una scelta di vita".  la precisazione dell'assessore all'accoglienza Sara Funaro a proposito "dell'attività di questa mattina di uno dei miei collaboratori che ha incontrato i manifestanti allo scopo di abbassare la tensione ed evitare la richiesta di intervento delle forze dell'ordine".

"Come già accaduto altre volte in passato un mio collaboratore ha incontrato i manifestanti per ascoltarli e non per trattare con loro - spiega l'assessore - Il Comune di Firenze non scenderà mai a patti con chi vive nella illegalità e non rispetta le leggi. Deve essere chiaro, e non mi stancherò mai di ripeterlo, che gli alloggi pubblici vengono assegnati a chi ne ha il diritto ed é in graduatoria e non a chi non ha i titoli e non rispetta le regole".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca