QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 23° 
Domani 11°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 28 settembre 2016

Attualità mercoledì 24 febbraio 2016 ore 19:15

A Firenze 400 euro di tasse in meno a famiglia

Il sindaco Nardella ha presentato il bilancio di previsione 2016. Tutti i tagli imposta per imposta. Novità per il settore turistico

FIRENZE — Un risparmio di 398,42 euro a famiglia, oltre 100milioni di euro di investimenti sulla città e nuove regole per un turismo sostenibile. È questo, in estrema sintesi, il quadro che emerge dal bilancio di previsione 2016 approvato dalla giunta comunale. Un bilancio ‘sbloccato’ da un patto di stabilità che consente maggiori investimenti ma con regole contabili più severe.

“Firenze si conferma la città italiana capoluogo di provincia con le tasse più basse – ha detto Nardella - L’eliminazione dell’Imu consentirà ai fiorentini di risparmiare circa 42 milioni di euro che rimarranno nelle loro tasche. Nel 2016 non ci sarà alcun taglio ai servizi, semmai un incremento nei settori dell’ambiente, della cultura e della sicurezza. Senza alcun tipo di aggravio in termini di tasse. Nell’anno in corso investiremo 72 milioni di euro, che si sono liberati grazie alla modifica del patto di stabilità, che ci permetteranno di realizzare importanti interventi su strade, piazze, scuole, giardini e impianti sportivi. La settimana scorsa il premier Renzi stimolava i sindaci a sbloccare i cantieri, noi siamo la prima grande città d’Italia ad approvare il bilancio preventivo con le nuove regole della legge di stabilità".

Continua poi la lotta ai furbetti dell'affitto a fini turistici: chi ha una casa e la affitta ai turisti pagherà un 20 per cento in più di Tari. E prosegue la lotta all’evasione nella tassa rifiuti, con una previsione 2,4 milioni di euro in più di entrate.

“E’ un bilancio che consentirà ai fiorentini di pagare meno imposte e al Comune di Firenze di fare molti investimenti - ha detto Perra - Un centinaio di milioni di nuovi investimenti che saranno realizzati in città nel 2016 per strade, scuole, giardini, iniziative culturali. È un bilancio che tiene conto anche della pressione dei turisti, che sono una risorsa ma anche fonte di esternalità negative e che riusciamo a intercettare attraverso una struttura di imposte e tasse costruita a Firenze in maniera innovativa rispetto al resto d’Italia. A partire dall’anno 2016, ciò porta ad esempio a gravare di più su coloro che visitano Firenze rispetto alle famiglie che vivono in città. È un bilancio che continua nel suo obiettivo di mantenere le spese per le famiglie fiorentine più basse rispetto alle famiglie italiane, come evidenziato dai numeri che sono presuntivi in senso cautelativo: vivere a Firenze per una famiglia significa infatti risparmiare quasi 400 euro rispetto a vivere in altri capoluoghi italiani”. 

Meno tasse con l’eliminazione della Tasi sull’abitazione principale e un risparmio di 42milioni di euro per i cittadini di Firenze anche se la Tasi continuerà ad essere applicata agli immobili di lusso. Non solo. 

L’Imu delle case in comodato ai figli avrà la base imponibile ridotta del 50 per cento se utilizzate come abitazione di residenza e se i genitori risiedono a Firenze e non possiedono altri immobili in Italia. Questo significa un altro milione di euro risparmiato dai fiorentini. Inoltre, viene ridotta del 25% l’Imu per gli immobili locati a canone concordato con un risparmio di 3milioni di euro per i fiorentini. Eliminata l’Imu anche per gli immobili non residenziali occupati abusivamente. Totale 46milioni di euro ‘restituiti’ dallo Stato al Comune e risparmiati dai cittadini.

Rimangono invariate aliquote Imu e addizionale Irpef. Il gettito previsto dall’Imu è di 126,8 milioni di euro. Alle attuali agevolazioni per teatri e cinema, asili nido e scuole, imprese in nuovi insediamenti e immobili residenziali occupati, si aggiungono i nuovi sgravi per gli immobili non residenziali occupati abusivamente. L’addizionale Irpef rimane fissata a 0,2% sopra i 25mila euro e a ‘zero’ sotto questa soglia, con un gettito previsto di 8,3 milioni di euro.

A Firenze una famiglia risparmierà così mediamente 398,42 euro all’anno, di cui 248,58 sull’Irpef, 91,68 sulla Tari e 58,16 sulle scuole dell’infanzia. La spesa familiare sull’Irpef a Firenze è infatti di 50,49 euro contro i 299,07 degli altri capoluoghi di regione italiani, mentre quella sulla Tari per 100 metri quadri e un nucleo di tre persone è di 228 euro contro i 319,68 degli altri capoluoghi di regione. Per quanto riguarda le scuole dell’infanzia, a Firenze sono pari a zero sia le tariffe mensili che la quota di iscrizione, mentre arrivano rispettivamente a 300 euro mensili e 140 euro di iscrizione in altre città. 

Anche per il 2016 sono previste le agevolazioni sulla Tari per le attività economiche interessate dai cantieri della tramvia, con uno stanziamento di 500mila euro come per lo scorso anno.

Nessuna variazione per quanto riguarda le aliquote Cosap (gettito previsto 32milioni di euro), Cimp (gettito previsto 3,3 milioni) e i parcheggi, con l’attivazione dello smart parking e del controllo sosta Sas e un gettito previsto di 2,2 milioni di euro. E’ di 52,5 milioni di euro, invece, il gettito previsto dalle multe del codice stradale, con un aumento di 3,5 milioni rispetto alle previsioni 2015, maggiore sicurezza e tutela dei parcheggi per i residenti.

In arrivo nuove regole per il settore turistico, con una variazione delle tariffe e una revisione degli abbonamenti per i bus turistici che si tradurranno in un aumento di 6,2 milioni della previsione di gettito rispetto al 2015 per un valore assoluto di 24,7 milioni di euro. Nessuna variazione, invece, per le aliquote relative alla tassa di soggiorno, dalla quale si prevede di ottenere un gettito di 30milioni di euro nel 2016, rispetto ai 28milioni del 2015, ai 22,5 del 2014 e ai 21,7 del 2013. Il totale del gettito da turismo previsto per i 2016 è quindi di 54,7 milioni di euro, con un aumento di 8,2 milioni rispetto al 2015. La Tari sulle locazioni turistiche aumenta del 20% rispetto alla civile abitazione. Le entrate previste dalla bigliettazione dei musei sono pari a 6milioni di euro.


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cronaca